Lettera ai vescovi sulla collaborazione dell’uomo e della donna

Congregazione per la Dottrina della Fede

1. Esperta in umanità, la Chiesa è sempre interessata a ciò che riguarda  l’uomo e la donna. In questi ultimi tempi si è riflettuto molto sulla dignità della donna, sui suoi diritti e doveri nei diversi settori della comunità civile ed ecclesiale. Avendo contribuito all’approfondimento di
questa fondamentale tematica, in particolare con l’insegnamento di Giovanni Paolo II,1 la Chiesa è oggi interpellata da alcune correnti di pensiero, le cui tesi spesso non coincidono con le finalità genuine della promozione della donna.

Il presente documento, dopo una breve presentazione e valutazione critica di alcune concezioni antropologiche odierne, intende proporre riflessioni ispirate dai dati dottrinali dell’antropologia biblica – indispensabili per salvaguardare l’identità della persona umana – circa alcuni presupposti per una retta comprensione della collaborazione attiva, nel riconoscimento della
loro stessa differenza, tra uomo e donna nella Chiesa e nel mondo. Queste riflessioni, inoltre, vogliono proporsi come punto di partenza per un cammino di approfondimento all’interno della Chiesa e per instaurare un dialogo con tutti gli uomini e le donne di buona volontà, nella sincera
ricerca della verità e nel comune impegno a sviluppare relazioni sempre più autentiche.

Facebooktwitterpinterestmail